Visualizzazioni totali

mercoledì 14 febbraio 2018

POLIAMMIDE GF30-PA6 CARICATO FIBRA VETRO PER STAMPE 3D DI ELEVATA RESISTENZA E RIGIDITA' CON OTTIMA RESISTENZA AL CALORE E ALL'ABRASIONE


POLIAMMIDE GF30-PA6 FV NERO ø 1,75 MM



GF30-PA6 XSTRAND® è un materiale tecnico progettato per essere compatibile con qualsiasi stampante 3D FDM dotata di ugello in acciaio rettificato in quanto è composto da nylon PA6 e fibra di vetro al 30%.

FILOPRINT vende come sempre campionature a multipli di 10 metri per test di stampa oltre alla bobina da 500 grammi sulla pagina al seguente link: CLICCARE QUI

GF30-PA6 XSTRAND® per la stampa 3D è un materiale di qualità industriale progettato per la produzione di un'ampia varietà di applicazioni industriali. Questo filamento ha ottime proprietà di resistenza agli UV e ai prodotti chimici ed è composto da POLIAMMIDE PA6 purissima e fibra di vetro a rinforzo, che gli conferisce una qualità elevata ed estrema rigidità. Questo filamento è adatto per prototipazione funzionale, piccoli elettrodomestici e qualsiasi richiesta di elementi per sport e tempo libero, oltre che perfetto per il settore AUTOMOTIVE e DRONI.

Per chi volesse avere un quadro visivo più ampio del produttore XSTRAND e dei prodotti dal BRAND realizzati può prendere visione di questo interessante filmato CLICCANDO QUI



PRINCIPALI CARATTERISTICHE:

Composto con materie prime ingegnerizzate purissime
Mediamente facile da stampare, con impostazioni simili all'ABS
Molto rigido e forte
Ampio intervallo di temperature operative: da -20 ˚C a 120 ˚C
Eccellente adesione dei layer e ridotto effetto di distorsione
Ottima resistenza chimica e ai raggi UV
Ottima resistenza al calore
Ottima resistenza all'usura
Non è difficile da legare con un adesivo. L'incollaggio è possibile solo con cianoacrilato BIcomponente per l'applicazione di un primer. Con il cianoacrilato non è possibile legare con vetro, pietra e cemento.

CARATTERISTICHE DELLE POLIAMMIDI:

Resistenza all’invecchiamento alle alte temperature e nel tempo;
Elevata resistenza e rigidità;
Tenacità anche alle basse temperature;
Elevata fluidità,
Ottime proprietà dielettriche;
Resistenza all’abrasione;
Resistenza chimica;
Resistenza ad agenti chimici quali la benzina, i grassi e gli aromatici;

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLE POLIAMMIDI

Industria automobilistica
Elettricità ed elettronica
Connettori: connettori CEE industriali, morsettiere.
Industria meccanica e generale



COME STAMPARE POLIAMMIDE FIBRA VETRO GF30-PA6

COMPATIBILE MACCHINE ZORTRAX M200/M300 CON PROFILO Z-ULTRAT – SOFTWARE Z-SUITE ULTIMA RELEASE

Temperatura di estrusione: 220-280 °C
Temperatura letto stampa: 80-110 °C
Velocità di estrusione: 30/100 mm/s

Impostazioni di stampa consigliate:
Si consiglia di utilizzare macchine completamente chiuse, con camera anche non riscaldata
Si consiglia caldamente di utilizzare un ugello in acciaio rettificato di diametro maggiore di 0,4 mm. La fibra di vetro è altamente abrasiva e consuma molto rapidamente l'ottone.
Una piastra in polietilene ad alta densità (PEHD) come superficie di stampa, in sostituzione della lastra di vetro, è altamente raccomandata.
Se si stampa su un letto con tappetino tipo LOKBUILD o BUILDTAK, spalmare un sottile strato di colla vinilica miscelata con acqua al 50%.
Se si stampa su un letto perforato come una stampante Zortrax, non sarà necessario nulla sul letto per l'adesione.


martedì 13 febbraio 2018

PLA FACILAN C8 FILAMENTO PER STAMPE DI ALTISSIMA QUALITA' SETTORE INDUSTRIALE, PROTOTIPALE, TOTALE ASSENZA DI LAYER PER OGGETTI DAL TOCCO VELLUTATO


FACILAN ™ C8 è una nuova famiglia di filamenti per stampa 3D sviluppata congiuntamente da Perstorp e 3D4Makers. Perstorp e 3D4makers mirano a sbloccare i limiti attuali dei materiali base PLA per le tecnologie di stampa 3D attraverso la loro combinazione unica di chimica, esperienza dei polimeri e capacità ingegneristiche per la produzione di filamenti 3D.



FILOPRINT come sempre vende sia per l'acquisto a multipli di 10 metri che in bobine da 750 grammi sullo shop al seguente link: CLICCA QUI

Per chi volesse vedere il filmato tecnico sulla stampa di questo filamento FACILAN C8 può linkarsi al nostro canale YOUTUBE - CLICCANDO QUI  

FACILAN ™ C8 permette stampe senza nessun layer evidente, anche utilizzando macchine semplici tipo PRUSA aperte.

FACILAN ™ C8 è il primo filamento di stampa 3D creato da zero per soddisfare le crescenti esigenze degli utenti di stampa 3D. È anche il primo filamento PLA per stampa 3D progettato specificamente per la produzione industriale. Sviluppato per dare il massimo in stampabilità, affidabilità, adesione dello strato, proprietà meccaniche e qualità superficiale. Facilan ™ è stato progettato per chi cerca il massimo della qualità nel filamento base PLA .



FACILAN ™ C8
Questo filamento ha una maggiore resistenza alla trazione e all'impatto rispetto all'ABS, pur essendo più facile da stampare rispetto al PLA. Sviluppato per un throughput elevato, speciale per applicazioni di produzione di parti di facile utilizzo, C8 ha migliori qualità meccaniche e una sensazione al tocco morbida.
Filamento FACILAN ™ C8

3D4MAKERS Facilan ™ C8 è un nuovo materiale di stampa 3D compostabile progettato per essere un vero materiale di produzione per la stampa 3D.



FACILAN ™ C8:
ha una maggiore forza d'impatto rispetto all'ABS.
ha una maggiore resistenza alla trazione rispetto all'ABS.
è molto più resistente di un PLA standard.
è compostabile a casa.
superficie morbida al tocco.
ha le migliori proprietà di adesione allo strato di qualsiasi materiale FDM.
ha la migliore qualità superficiale di qualsiasi materiale FDM.
La stampa risulta lisca ed esente da layer con una finitura superficiale uniforme opaca.
Sulla maggior parte delle stampanti 3D non dovrebbero esserci strati visibili nei prodotti stampati in 3D con Facilan ™ C8 specie con altezza layer intorno allo 0,1 mm

FACILAN ™ C8 è il primo prodotto della famiglia Facilan ™ che permette la realizzazione di componenti industriali finali nonché prototipi di fascia industriale. Il primo materiale di stampa 3D di Fifth Generation, Facilan ™ C8 ha migliori qualità meccaniche e tolleranze elevate che si combinano per rendere un materiale adatto per un'elevata produttività e un'elevata ripetibilità nella produzione additiva.



COME STAMPARE FACILAN ™ C8

COMPATIBILE CON MACCHINE ZORTRAX M200/M300 - PROFILO Z-PLA - SOFTWARE Z-SUITE ULTIMA RELEASE

Temperatura stampa: 180 - 210 ° C
Temperatura della piattaforma riscaldata: 25 - 50 °C (è consigliato l'uso del letto riscaldato)

Per molti modelli di stampanti 3D, FACILAN C8 si stampa meglio a circa 200 ° C con una temperatura del letto di circa 40/50 ° C e una velocità di 50 mm / s. Nei progetti con sporgenze e ponti significativi si ottengono i migliori risultati con ventilazione di raffreddamento impostata all'80%. Se il modello non ha sporgenze, mettere le ventole allo 0% ( spente) migliorando cosi il legame tra gli strati e quindi la resistenza meccanica finale dell'oggetto.

Per ottenere i migliori risultati durante la stampa, si consiglia di mantenere la stampante 3D in una stanza in cui non ci sono praticamente variazioni di corrente d'aria e / o temperatura. Tenere la stampante 3D lontano dalla luce diretta dal sole.

Quando la stampante 3D non viene utilizzata, è importante conservare FACILAN ™ C8 in una busta di nylon con bustina di silicati fornita e conservarlo in un luogo fresco, asciutto e buio fino a quando non viene riutilizzato.



giovedì 25 gennaio 2018

PLA INVESTMENT CASTING FILAMENTO PER LA PRODUZIONE IN PICCOLA-MEDIA-GRANDE SCALA OGGETTI METALLICI PER FUSIONE

PLA INVESTMENT CASTING FILAMENTO PER LA PRODUZIONE IN PICCOLA-MEDIA-GRANDE SCALA OGGETTI METALLICI PER FUSIONE



FILOPRINT propone un nuovo prodotto il PLA INVESTMENT CASTING che si identifica in un tipo di filamento idoneo per la PRODUZIONE PEZZI IN METALLO PER FUSIONE A PROCEDURA INVESTMENT CASTING.

L'azienda olandese CIREX B.V. Ci ha gentilmente offerto la sua esperienza per la commercializzazione di questo filamento particolare. La CIREX è una azienda molto esperta nel campo della microfusione e sta esplorando già da tempo il valore aggiunto che la stampa 3D può apportare a questa procedura da stampa 3D a Fusione metallica.

INFORMAZIONI SULLA DITTA CIREX

La storia dell'attuale CIREX inizia nel 1947. Nel laboratorio di fisica di Philips, a Eindhoven, è stata creata una fonderia sperimentale di modelli in cera. Da questi inizi CIREX si è sviluppata come partner di sviluppo e produttore di getti di precisione di alta qualità in acciaio, prodotti secondo il processo della "cera persa". CIREX ha costruito una buona reputazione e un riconoscimento tra i clienti internazionali.

Puoi trovare maggiori informazioni sulla ricca storia di CIREX sul loro sito web CLICCANDO QUI

Per chi volesse saperne di più della tecnica di INVESTMENT CASTING può prenderne visione cliccando su questo link CLICCANDO QUI   

FILOPRINT ha quindi attinto da questo KNOW-HOW di CIREX per capire meglio come il filamento PLAINVESTMENT CASTING si comporta come materiale per i modelli. Tradizionalmente la fusione a cera persa utilizza modelli a cera. Questi modelli sono realizzati con stampi metallici, rendendo l'attrezzatura un processo costoso che può richiedere anche diverse settimane.

Per piccole serie o prodotti singoli che necessitano di uno stampo di piccola/media grandezza non è una soluzione economica per le aziende di fonderia. La stampa 3D d'altra parte presenta diversi vantaggi che consentono alle fonderie di realizzare singole parti o anche piccole serie.

Invece di investire in strumenti, le aziende di fonderia possono scegliere di stampare in 3D i propri modelli in un materiale adatto per la microfusione. Per questo FILOPRINT propone questo nuovo tipo di PLA PURISSIMO senza additivi aggiunti dal nome PLA INVESTMENT CASTING. Esso è senza colore cioè NATURAL che risulta essere un materiale particolarmente adatto per la microfusione. È un materiale facile da stampare come un banalissimo PLA ed in grado di creare forme complesse con una finitura superficiale liscia eventualmente anche post-lavorabile e funziona con praticamente tutte le macchine di stampa 3D FDM/FFF 3D di tipo desktop e industriale.

FOTO 1


Il materiale al naturale si decompone a 600 ° C e garantisce un burnout pulito lasciando uno stampo puro e pronto per la fusione.

RIDUCI I TEMPI DI SVILUPPO

FOTO 2


Saltare la fase di sviluppo degli utensili consente di risparmiare un sacco di tempo. In genere questo permette di avere il prodotto finito in metallo in un tempo in un tempo nettamente inferiore a quello necessario in tempo tradizionale di ben 3-4 settimane. Il fatto di non dipendere da un fornitore di stampi di terze parti riduce anche il rischio in progetti sensibili al fattore tempo. Inoltre, la progettazione 3D degli elmenti interna all'azienda, permette tempi reattivi alle richieste di mercato JUST IN TIME.

FOTO 3


Un albero di cera con i modelli stampati

La stampa 3D consente anche di eseguire iterazioni di progettazione più veloci, un primo modello stampato potrebbe essere già stato realizzato in diverse ore a seconda delle dimensioni della parte. Ciò rende possibile l'iterazione sul design più volte anche in un solo giorno.

FILOPRINT mette a disposizione il materiale in bobine da 750 grammi ed anche da 2,2 kg nel diametro da 1,75 mm ( su richiesta anche il 2,85 mm) Il costo materiale dei modelli stampati è di circa € 30, - p / kg ( IVA esclusa). Le parti sono generalmente stampate con la minor quantità di materiale necessario, il che consente di risparmiare tempo e materiale di stampa.

FOTO 4 – FOTO 5



Controllo del burnout di PLA INVESTMENT CASTING Natural, rompendo lo stampo per ispezionare il modello per i residui. Modelli stampati con una STACKER S4, altezza dello strato di 0,2 mm con riempimento del 20%.

COMBINAZIONE STAMPANTE E MATERIALE 3D

Per i progetti che si vedono in foto è stata usata dalla ditta CIREX una stampante 3D Stacker S4. Come si evince dalle immagini, PLA INVESTMENT CASTING permette di stampare parti precise e coerenti. La stampa con più ugelli riduce il tempo di produzione in serie, 2 volte più veloce per lo Stacker S2 e 4 volte più veloce per lo Stacker S4 rispetto a una stampante FFF 3D a singolo ugello.

FOTO 6 – FOTO 7



Alcuni esempio di lavori eseguiti con PLA INVESTMENT CASTING

FOTO 8 – FOTO 9





PLA INVESTMENT CASTING è perfettamente adatto per la microfusione.

FOTO 10 – FOTO 11



L'uso della stampa 3D nella microfusione riduce i costi e aumenta la flessibilità del processo. Il PLA è una scelta naturale per questo processo in cui viene bruciata l'intera stampa. PLA INVESTMENT CASTING naturale si adatta perfettamente ad ogni esigenza grazie alla sua facilità d'uso e alla sua funzionalità per questa applicazione verticale del sistema INVESTMENT CASTING.

FOTO 12

Blocco motore stampato con PLA INVESTMENT CASTING questo il file STL da THINGVERS per chi volesse provare: CLICCA QUI PER SCARICARE STL


Il procedimento della CERA PERSA viene quindi implementato e si evolve identificandosi in modelli realizzati con la stampa 3D. L'oggetto stampato in 3D con PLA INVESTMENT CASTING da una macchina FDM/FFF è quindi rivestito in ceramica, poi viene bruciato o fuso dal metallo versato nel guscio lasciando quindi forma all'oggetto in metallo.


Di seguito sono riportati alcuni esempi delle stampe realizzate da Spectra3D per la microfusione.










Tutto quanto sopra esposto è quindi ancora una volta un esempio di stampa 3D FDM che si evolve da un mercato per hobby a applicazioni pratiche, funzionali e reali in cui hardware, software e materiali contano per portare un prodotto al cliente o, in questo caso, utilizzare la stampa 3D come ulteriore prezioso alla catena di produzione. In questo caso, il materiale PLA INVESTMENT CASTING permette di dare libero sfogo ad ulteriori STEP tecnici che le aziende più virtuose potranno sviluppare accrescendo conoscenza e implementazione della produzione, consentendo stampe 3D e successivi pezzi in metallo sempre perfetti.

PLA INVESTMENT CASTING DESCRIZIONE MATERIALE

PLA INVESTMENT CASTING ha un aspetto cremoso e super liscio. Si presenta in bobina con un bel colore neutro, leggermente traslucido, che aiuta a nascondere i layer dei livelli.

ECCELLENTE TOLLERANZA DEL DIAMETRO GARANTITA
PLA INVESTMENT CASTING è realizzato e controllato nel suo diametro da sistemi di misurazione laser in tempo reale durante la produzione. Viene misurato più di 1000 volte al secondo e questo garantisce che ogni bobina di filamento sia prodotta entro limiti di tolleranza. E' garantita una tolleranza di 0,05 mm +/- su entrambi i filamenti da 2,85 mm e 1,75 mm.

Di seguito un elenco di stampanti utilizzate per i test del
PLA INVESTMENT CASTING
Ultimaker Original
Ultimaker Original Dual Extrusion
Ultimaker 2
Makerbot Replicator 2s
Delta Tower (E3D hot-end)
Felix 20
Leapfrog Creator
Beethefirst
Mass Portal Pharaoh ED
Prusa i3 HEPHESTOS

SETTAGGI PER LA STAMPA DEL
PLA INVESTMENT CASTING

Temperatura di stampa 3d: 195-220C *
Velocità di stampa 3d: 40 - 100 mm / s
Temperatura del letto riscaldato consigliata ( letto Risc. non strettamente necessario): 50-60 °C
PLA INVESTMENT CASTING funziona bene su piattaforme di costruzione riscaldate e non riscaldate. Per quegli utenti che stampano su una piattaforma di generazione a freddo, si consiglia di applicare il nastro di mascheratura all'area di costruzione. La superficie ruvida del nastro fornirà un'adesione sufficiente affinché il primo strato possa attaccarsi e stampare quasi senza deformazioni.
* Le stampanti 3D hanno molti tipi diversi di hot-end che rendono estremamente difficile dare consigli sulla temperatura. Riteniamo che il nostro consiglio di temperatura valga per la maggior parte delle stampanti 3D, ma dovrebbe essere considerato come un punto di partenza per trovare le temperature più funzionali nella configurazione specifica usata. Non ci sono problemi di andare più in alto o più in basso rispetto alle temperature consigliate se si pensa che il proprio set-up ne abbia bisogno.

Gli utenti che utilizzano piattaforme di generazione riscaldate hanno diverse opzioni. Per chi usa di solito lastre di vetro in borosilicato o alluminio si consiglia: se direttamente su vetro o alluminio consigliamo all'utente di applicare la colla stick. Uno strato molto sottile sarà sufficiente per mantenere la stampa ben posizionata. Un altro metodo è sciogliere la colla bianca da legno (VINAVIL) in acqua, in un MIX al 50% la cui consistenza deve essere piuttosto sottile, un po 'come il latte. Applicando poche gocce e spalmandole prima di iniziare a riscaldare la piastra di costruzione, si creerà uno strato molto particolare che mantiene molto bene il filamento in estruzione. Se si applica questo metodo, fare attenzione a non bagnare l'elettronica.

Un altro metodo che funziona bene con PLA INVESTMENT CASTING è il nastro in poliimmide o nastro Kapton. Questo nastro è disponibile come una striscia molto stretta o strisce molto larghe che consentono di coprire la piastra di costruzione in un colpo solo. Quando il nastro viene applicato correttamente, può durare per mesi.

Infine si può consigliare di utilizzare il classico tappetino TIPO LOKBUILD che permette una adesione perfetta senza lasciare tracce ed inoltre può essere utilizzato anche per altri tipi di materiali più ostici da tenere fermi sul letto di stampa ( vedi ABS-NYLON ecc. ecc.)

CONSIGLIO! E' sempre buona regola controllare il livellamento del letto di stampa e nel caso regolare il divario tra l'ugello della stampante 3D e la piastra di costruzione. Un primo strato perfetto è molto importante, specialmente per le stampe 3D con un grande strato inferiore. Avendo l'ugello impostato ad una distanza non ottimale con la piastra di costruzione, causerà un accumulo di pressione e di conseguenza il flusso di ritorno nella maggior parte delle estremità calde.

CONSIGLIO!
PLA INVESTMENT CASTING ha tendenze di deformazione molto minime, tuttavia se le parti di stampa che occupano il massimo dello spazio di costruzione consentito dalla stampante 3D, è possibile avere delle deformazioni. In questo caso, consigliamo di abbassare la ventola che sta raffreddando l'oggetto. Ciò consente al materiale di liberarsi lentamente dal calore senza deformazioni. Dopo pochi centimetri è possibile attivare il raffreddamento se l'oggetto in stampa ne ha bisogno.

PLA INVESTMENT CASTING SPECIFICHE
Diametro Tolleranza: ± 0,05 mm
Densità: 1.210 g/cm-3
Temperatura di transizione vetrosa: 55°C

mercoledì 24 gennaio 2018

GUIDA PER STAMPARE FILAMENTI DA SIMPLIFY 3D CON PROVE STAMPA 3D E COMPARAZIONE MATERIALI E SETTAGGI DI STAMPA 3D



Grazie a Simplify3D, FILOPRINT propone questa utilissima guida completa alla stampa 3d per tutti i tipi di filamenti per stampa 3D FDM

La più famosa ed importante società di software stampa 3D Simplify3D ha rilasciato una efficace, chiara e molto utile quida sui materiali di stampa 3D. Le risorse includono istruzioni sulla selezione di materiali, nonché suggerimenti per ottimizzare le impostazioni di stampa per un determinato progetto di stampa 3D.



Con la disponibilità attuale molto vasta di filamenti sempre diversi fra loro, può essere difficile sapere da dove cominciare. Ecco perché Simplify3D, con questa utile tabella ON-Line ( in Inglese ) ci permette di rendere le cose più facili da capire sia per il neofita che per il tecnico, creando un'ampia guida sui materiali per stampa 3D per gli utenti di tutti i livelli.

La nuova guida è il risultato di ricerca di più di un anno presso Simplify3D, che ha cercato di testare tutti i popolari tipi di filamenti per FDM/FFF in uso oggi, fornendo suggerimenti su come migliorare i risultati di stampa con ogni materiale. La guida include articoli di approfondimento su più di una dozzina di tipi di filamento, nonché una tabella di proprietà dettagliate per un facile confronto delle proprietà meccaniche tra materiali.



L'elemento basilare della nuova guida materiali Simplify3D è una griglia di immagini che mostrano effettivamente le stampe realizzate create con ogni materiale indicato in tabella. Gli utenti possono aggiungere tag per filtrare rapidamente immagini basate su specifiche applicazioni o esigenze, prima di visualizzare articoli di approfondimento contenente Pro e contro per ogni materiale selezionato.

Questi articoli di approfondimento discutono i requisiti hardware, best practice, risoluzione dei problemi relativi a soluzioni e suggerimenti per tutti anche per gli utenti avanzati. Per esempio, per quanto riguarda il PLA, la guida suggerisce che "aumentando il numero di profili perimetrali la stampante 3D creerà un forte legame tra ogni strato, creando quindi oggetti più forti che sono meno inclini alla rottura." Ogni articolo comprende anche una sezione "Get Started" con modelli di esempio per le stampe di pratica.



A complemento della guida c'è anche una tabella di proprietà per ogni filamento testato che può essere utilizzato per confrontare 25 diverse proprietà e caratteristiche per ogni materiale. La tabella include metriche quali resistenza, rigidità, densità ed altre proprietà meccaniche. Comprende anche uno strumento di confronto side-by-side dei materiali scelti.

La guida si può trovare al seguente link:  CLICCA QUI  

La tabella di confronto di materiali al seguente link : CLICCA QUI 

Speriamo quindi di fare cosa gradita a molti nostri utenti che spesso ci chiedono chiarimenti e delucidazioni in merito a molti dei nostri filamenti in vendita sul vasto catalogo del nostro shop.

Grazie a tutti per la cortese attenzione
Enjoy!

martedì 23 gennaio 2018

FILAMENTO PER STAMPA 3D POLIAMMIDE COPA BY POLYMAKER FACILE DA STAMPARE WARP FREE, RESISTENTE FINO A 180 GRADI AD USURA, SOLVENTI, AUTO-ESTINGUENTE

FILOPRINT presenta un nuovo tipo di filamento qualità industriale by POLYMAKER dal nome PolyaMide ™ CoPA

PolyMide ™ CoPA è basato su un copolimero di nylon 6 e nylon 6,6.



Le poliammidi, o nylon, sono una delle famiglie di materie plastiche tecniche più utilizzate al mondo, grazie alle loro eccellenti proprietà meccaniche, termiche e di altro tipo. Nello specifico, alcuni tipi di filamenti in base nylon, hanno una scarsa stabilità dimensionale e tendono a mostrare uno svergolamento significativo durante la stampa 3D, il che limita enormemente le loro applicazioni solo a parti di piccole dimensioni e / o geometricamente non impegnative. Le caratteristiche dei singoli tipi di poliammìde non differiscono molto: peso specifico relativamente basso, resistenza agli urti e all'usura, discreto isolamento elettrico, resistenza ai solventi, agli oli, ai grassi e ai carburanti, auto-estinguente.

La tecnologia Warp-Free ™ è stata sviluppata da Polymaker per migliorare notevolmente la stampabilità dei filamenti di nylon. La tecnologia prevede il controllo fine della microstruttura e il comportamento di cristallizzazione dei nylon, per consentire il pieno rilascio dello stress interno causato durante la stampa. Ciò porta ad un'eccellente stabilità dimensionale con una deformazione prossima allo zero. È importante notare che un tale notevole miglioramento nella stampabilità è ottenuto senza sacrificare le proprietà intrinseche del nylon. Inoltre, non viene utilizzato alcun materiale abrasivo, quindi nessun problema in perito all'usura dell'ugello.

PolyMide ™ CoPA eredita molte proprietà intrinseche del nylon, tra cui un'elevata resistenza al calore e proprietà meccaniche superiori, rendendo il materiale una delle migliori scelte per le applicazioni di ingegneria. Ad esempio, PolyMide ™ CoPA ha una temperatura di rammollimento di circa 180 ° C, che consente agli utenti di stampare parti di lavoro o gruppi in movimento che possono sopportare alte temperature e sollecitazioni meccaniche. Le proprietà meccaniche di PolyMide ™ CoPA producono parti stampate in 3D che sono sia robuste che resistenti, sovraperformando la stragrande maggioranza degli attuali materiali di stampa 3D. PolyMide ™ CoPA offre anche un'incredibile adesione tra strati che crea più parti isotropiche che sono forti in ogni direzione.

Questo filamento è altamente sensibile ed attaccabile dall'umidità ( ovviamente solo nella sua condizione di filamento prima di essere estruso) e quindi si consiglia vivamente di adoperarlo in ambienti assolutamente privi di umidità ed appena usata, riporre la bobina in macchinari preposti (vedi POLYBOX by POLIMAKER) oppure chiusa accuratamente nel suo sacchetto di nylon con bustina di silicati in ambiente asciutto ed al buio per mantenerlo in condizioni estremamente secche (umidità relativa del 20% o inferiore) al fine di garantire una stampa 3D ottimale.



CARATTERISTICHE GENERALI

Warp Free: PolyMide ™ CoPA è progettato per garantire un'eccellente stabilità dimensionale durante la stampa, con ordito quasi a zero. La sua carica di COPOLIMERI ne garantisce la stabilità dimensionale anche per stampe di grandi dimensioni.

Stampa facile: a differenza di altri filamenti di nylon, PolyMide ™ CoPA è estremamente facile da lavorare. È compatibile con la maggior parte delle stampanti 3D a filamento, senza bisogno di camere / letti riscaldati.

Forte e resistente: l'eccezionale resistenza meccanica e robustezza rendono PolyMide ™ CoPA la scelta migliore del materiale tecnico per idee creative e oggetti dedicati verticalmente ad un uso di qualità e caratteristiche industriali.

Resistente al calore: con una temperatura di rammollimento elevata di ~ 180 ° C, PolyMide ™ CoPA è uno dei materiali di stampa 3D più resistenti al calore sul mercato.



CARATTERISTICHE DELLE POLIAMMIDI:

Resistenza all’invecchiamento alle alte temperature e nel tempo;
Elevata resistenza e rigidità;
Tenacità anche alle basse temperature;
Elevata fluidità,
Ottime proprietà dielettriche;
Resistenza all’abrasione;
Resistenza chimica;
Resistenza ad agenti chimici quali la benzina, i grassi e gli aromi;
Assorbimento di acqua;

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLE POLIAMMIDI

Industria automobilistica
Elettricità ed elettronica
Connettori: connettori CEE industriali, morsettiere.
Industria meccanica e generale

TEMPERATURE STAMPA

Temperatura di stampa consigliata :250 - 265 ° C

Velocità di stampa consigliata: 40 - 60 mm / s

Temp. Letto di stampa Consigliata (se in dotazione): Fino a 70 ° C

Ugello diametro minimo: 0,4 mm

Attenzione: le temperature di stampa indicate possono variare in relazione al modello della stampante posseduta

IMPOSTAZIONI STAMPA 3D

Temperatura stampa: 250 - 265 (°C)
Trattamento superficie stampa: PA film, PI film
Applicare su vetro colla PVA ( vinavil al 50% mixato con acqua)
Letto riscaldato: non necessario se macchina chiusa
con macchina aperta impostare ove necessario la temperatura a: 0 - 70 (°C)
Ventola raffreddamento materiali sempre spenta
Velocità di stampa: 40 - 60 (mm/s)
Raft separation distance: 0.1 - 0.2 (mm)
Retraction distance: 3-6 (mm)
Retraction speed: 40 - 60 (mm/s)
Temperatura ambiente di stampa raccomandata: 40 - 60 (°C)
Threshold overhang angle 55 (°)
Ugello di base consigliato: 0,4 mm e Simplify 3D v.3.1.
Le temperature e condizioni di stampa, possono variare in relazione al diametro dell'ugello usato.

PROPRIETA' FISICHE

Densità ASTM D792 (ISO 1183, GB / T 1033) 1,12 (g / cm3 a 21,5 ° C)
Temperatura di transizione vetrosa DSC, 10 ° C / min 67 (° C)
Vicat Temperatura: ASTM D1525 (ISO 306 GB / T 1633) 180 (° C)
melt Index: 260 ° C, 1,2 kg 12 (g / 10 min)
Temperatura di fusione DSC, 10 ° C / min 190 (° C)
Temperatura di cristallizzazione DSC, 10 ° C / min 128 (° C)
Temperatura di decomposizione TGA, 20 ° C / min 370 (° C)
Testato con campioni stampati in 3D con riempimento al 100%


domenica 24 dicembre 2017

CONSIGLI E SOLUZIONI PROBLEMI CON LA STAMPA 3D FILAMENTI IN GOMMA COME MODIFICARE ESTRUSORE PER ADATTARLO ALLA STAMPA DEI FILAMENTI FLESSIBILI

SOLUZIONE PROBLEMI STAMPA 3D FILAMENTI IN GOMMA


Problemi di estrusione con i filamenti morbidi in GOMMA e/o molto flessibili

Da sempre, stampare i filamenti morbidi in GOMMA o similari ha sempre creato problemi di “grippaggio” legati soprattutto al TRASCINAMENTO ed alla " FLUIDITA' " del filamento. Questo deriva dalla natura stessa del materiale che, essendo flessibile in modo più o meno rigido ( dipendente quindi dal suo SHORE che può essere di tipo A oppure D), non può essere spinto con la stessa facilità dei materiali rigidi, lo stesso principio per cui non si può spingere una corda attraverso un tubo molto stretto.

Il problema nasce quando ci sono laschi in certe parti dell'estrusore, in particolare, tra Il drive-gear (la ruota dentata che spinge il lamento) e l'orifizio attraverso il quale il filamento accede all'hot-end (punta metallica che fonde il filamento).
Anche quando questo spazio è sufficientemente grande, il filamento medio morbido tende a uscire dal suo percorso e a formare un nodo che finisce per spuntare da un lato dell'estrusore, come si può vedere nell'immagine.



Questo problema e di maggior portata se si utilizza un filamento da 1.75 mm dato che, avendo una sezione minore, è addirittura più propenso a uscire dal percorso guidato anche se esso è sufficientemente largo.

La velocità di estrusione è quindi un elemento determinante perché si verifichi questo problema. Se l'estrusore prova a spingere il filamento a una velocità troppo alta, si crea una pressione verso l'alto che fa si che il lamento esca dal suo percorso naturale. Perciò il consiglio generale e di iniziare a stampare a una velocità bassa o molto bassa, e andare ad aumentarla fino a trovare la velocità massima sopportata dall'estrusore usato.

Anche la dimensione del nozzle contribuisce alla velocità massima sopportata dato che, più grande è, più materiale fuso potrà essere estruso per unita di tempo e pertanto, maggiore
sarà la velocità di stampa possibile.

Gli estrusori progettati per l'utilizzo di filamenti flessibili minimizzano i laschi, impedendo che il
filamento possa uscire e utilizzano un sistema di doppio drive-gear per incanalare con precisione il filamento ed evitare completamente il problema suddetto, così come permettono di aumentare la
velocità di stampa.




Su tutti gli estrusori che non sono stati progettati per l'utilizzo di materiali elastici, possono far scomparire questi problemi. Ovviamente molto dipende anche dalla qualità del filamento che se non prodotto con materie prime dedicate e di ottima qualità, potrebbe produrre altri tipi di problemi ancora impedendo il corretto funzionamento del trascinatore e poi anche dell'estrusore.

COME PREPARARE L'ESTRUSORE PER STAMPARE FILAMENTO IN GOMMA

Se si sta sperimentando uno dei problemi sopra menzionati probabilmente si dovrà adattare o sostituire il proprio estrusore. Esistono diverse opzioni che elenchiamo dettagliatamente di seguito.

MODIFICARE L'ESTRUSORE

A volte è possibile utilizzare il filamento in gomma con estrusori non ottimizzati, realizzando alcune modifiche sull'estrusore stesso.

Se avete dei problemi nella stampa di filamento in gomma (di qualsiasi morbidezza usato), FILOPRINT consiglia di seguire questi semplici consigli, esposti in ordine di complessità.

1) Limare il condotto in modo che il filamento acceda all'hot-end

Se utilizzi un estrusore con il corpo di plastica, come quelli degli estrusori già stampati o stampabili in 3D in “fai da te”, ti consigliamo di provare quanto segue:
Lima leggermente i bordi dell'orifizio che si trova proprio sotto del drive-gear, orifizio attraverso
il quale viene incanalato il filamento verso l'hot-end. Questo permette di evitare sfregamenti e agganciamenti che possono causare i nodi sopra descritti.
Può essere necessario smontare parte dell'estrusore per effettuare questa operazione.

2) Inserire un tubo di teflon nell'estrusore
Una seconda opzione, più complicata ma più efficace, consiste nell'inserire un tubo di teflon (PTFE) nell'orifizio menzionato. Questa tecnica permette inoltre di ridurre lo spazio con la drive-gear, dato che il tubo in questione può essere collocato molto vicino alla drive-gear. Si può anche modificare l'entrata del tubo di teflon per adattarlo alla forma del drive-gear, lasciando uno spazio minimo. In generale questa tecnica presuppone la trapanatura dell'estrusore per permettere l'inserimento del tubo di teflon. Di seguito potete vedere un'immagine del risultato:



3)Stampare una guida per il filamento e collocarla nell'estrusore
La terza opzione consiste nello stampare un pezzo che faccia da guida per il filamento e collocarlo
sotto il drive-gear. Questi pezzi solitamente hanno una forma triangolare e devono essere progettati rispettando le dimensioni di ogni estrusore.
In Internet, in siti come THINGVERSE  si possono scaricare questo tipo di adattatori per alcuni degli estrusori più comuni. Ad ogni modo, si tratta di un disegno semplice, che quanti possiedono conoscenze di disegno 3D potranno creare da zero con facilita.



REGOLARE LA PRESSIONE DEL DRIVE-GEAR SOPRA IL FILAMENTO

Considerato che si tratta di un materiale flessibile, è particolarmente importante che la pressione
del meccanismo che spinge il lamento verso l'hot-end non sia eccessiva. Nei lamenti rigidi, un eccesso di pressione, produrrà piccole tacche nella superficie ( fenomeno chiamato in gergo GRIDDING), ma nel caso di filamenti in GOMMA (anche quelli più rigidi) una pressione eccessiva deformerà la sezione del filamento, dandogli una forma ovale che fa sì che questo sia più propenso a otturare l'estrusore.

Gli estrusori progettati per la stampa di filamenti flessibili tengono in considerazione queste eventualità e sono provvisti di un meccanismo per regolare la pressione del meccanismo motore. Se il vostro estrusore permette di regolare detta pressione, ti consigliamo di regolarla quando utilizzi un qualsiasi filamento in GOMMA per adattarla alla sua morbidezza relativa.
La pressione adeguata sarà quella minima necessaria affinché l'estrusore possa muovere il filamento.

Se il vostro estrusore non dispone del meccanismo per regolare la pressione, si può comunque ridurla cambiando la molla o riducendo il percorso possibile con la collocazione di un cuneo nel punto preciso. Come esempio, mostriamo un'immagine di come ridurre la pressione in un estrusore che non e predisposto per questo:



HeatCore Extruder. BQ Hephestos and BQ Witbox

AGGIUNGERE TENSIONE TRA LA BOBINA E L'ESTRUSORE
Si è notato che in alcuni modelli di stampante è bene che, quando si utilizza un filamento flessibile, ci sia una tensione tra la bobina e l'estrusore in modo che il filamento non rimanga appeso.
Per ottenerla si può provare a frenare la bobina, in modo che l'estrusore debba tirare leggermente
il filamento per srotolarlo. Si può anche collocare un accessorio simile a quello in foto per ottenere
lo stesso scopo.



Designed for BQ Unibody and BQ Hephestos extruder

SOSTITUIRE L'ESTRUSORE CON UNO OTTIMIZZATO

Ad oggi i filamenti flessibili sono diventati molto popolari e di varia natura tanto che è difficile che una stampante di ultima generazione non sia preparata alla loro stampa in 3D.

Inoltre, sono molti i progettisti che hanno creato estrusori stampabili capaci di stampare qualsiasi tipo di filamento flessibile, come del resto anche altri tipi di filamenti più i meno rigidi. Questi estrusori si possono auto-costruire e per questo possono essere scaricati da pagine come Thingiverse, per essere stampati e assemblati a casa.

Inoltre sono sempre di più gli estrusori commerciali predisposti alla stampa di filamenti flessibili
che possono essere acquistati ed essere montati in modelli di stampanti 3D anche più economiche e/o un poco datate.

ESTRUSORI STAMPABILI IN DIY ( AUTOCOSTRUITI)
Alcuni di questi estrusori sono stati progettati da zero, altri sono modificati su disegni già esistenti.
Qui andiamo a presentare una lista non esaustiva di disegni di estrusori che possono
essere scaricati da Internet. Seguendo ogni link si potrà trovare la lista di componenti completa, così come istruzioni di montaggio e commenti di altri utenti.

L'hot-end che viene installato nell'estrusore deve avere un pezzo di teflon (PTFE) al suo interno
per evitare frizioni, in modo che qualsiasi tipo di filamento, gommoso o meno, fluisca correttamente permettendo una stampa 3d corretta senza blocchi.

Molti tipi di filamenti in gomma sono stati felicemente testati con successo nei seguenti hot-ends *:

J-Head MKV-B
Budassnozzle V1.3

E3D v6

Leonnozzle V2

A seconda della stampante che viene utilizzata, alcuni di questi estrusori saranno più facili da installare, dato che possono rimpiazzare direttamente l'estrusore originale della macchina.

( * Bisogna tenere conto del fatto che la prova è stata effettuata con hot-ends originali e non possiamo garantire lo stesso risultato con repliche di questi)



FILE STL PER STAMPARE IN 3D un Direct-drive hinged extruder for E3D/J-Head
hot-end (Prusa i3) by eury – CLICCAQUI



FILE STL PER STAMPARE IN 3D un Wade L3K Extruder (prusa I3) compatible la-
ment exible By Skarab : CLICCAQUI



FILE STL PER STAMPARE IN 3D un Printrbot Flexible Filament Direct Drive Extru-
der by thirdhorizon : CLICCAQUI



FILE STL PER STAMPARE IN 3D un Ultimaker 2 PG35L Direct Drive Extruder for
1.75mm E3D v6 Hotend by jasonatepaint: CLICCAQUI

ESTRUSORI COMMERCIALI

Acquistare un estrusore commerciale e più costoso che costruirne uno casalingo tuttavia, di solito rendono meglio che questi ultimi e sono l'opzione migliore quando si utilizza un filamento flessibile
in modo intensivo.




Questi estrusori ( nella figura sopra ) sono stati appositamente progettati per evitare tutti i problemi sopra menzionatie qualcuno di essi può permettere di estrudere un qualsiasi tipo di filamento in GOMMA a una velocità superiore ai 70 mm/s.

CONSIGLI PER UNA STAMPA 3D OTTIMALE CON I FILAMENTI IN GOMMA

LA RETRAZIONE
La retrazione e una tecnica usata nelle stampanti 3D FFF/FDM per migliorare la finitura estetica dei pezzi. Consiste nel comandare all'estrusore che ritiri alcuni centimetri di filamento quando questo cambia di posizione, per evitare lo stringing o la comparsa di piccoli fili di bava di filamento tra le diverse parti del pezzo che si sta stampando.



OGGETTO CON PROBLEMI DI STRINGING

Quando si utilizzano filamenti flessibili può succedere che nel tentare una retrazione molto brusca
il filamento si tenda, invece di retrocedere. Perciò è caldamente consigliato utilizzare dei parametri di retrazione diversi da quelli usati con i filamenti rigidi.

I 2 parametri che possiamo controllare nella retrazione sono la dimensione, o quantità lineare in
millimetri di filamento retratto, e la velocità in mm/s dell'operazione. Entrambi i valori devono essere inferiori a quelli utilizzati abitualmente. Il modo ottimale per calibrare questi valori è quello di effettuare delle prove per verificare quali sono i valori massimi che sopporta la tua stampante nella stampa con i filamenti in GOMMA.

In ogni caso, come punto di partenza, si può usare questi valori consigliati:

Dimensioni di retrazione: 1.5 mm
Velocita di retrazione: 40 mm/s

A seconda della stampante puo essere che sia necessario disattivare totalmente la retrazione.

STAMPA 3D SEQUENZIALE

Un filamento flessibile, presenta una viscosità differente a quella di altri materiali quando raggiunge la sua temperatura di fusione. Per questo e più propenso a lasciare piccoli fili di bava tra diverse parti del pezzo quando il nozzle deve spostarsi da un punto ad un altro senza estrudere.



Confronto tra due tipi di rotta stampa 3D a stampa simultanea e sequenziale

Inoltre, quando si stampano diversi pezzi distinti allo stesso tempo, questi piccoli fili possono
crearsi tra i pezzi stessi, dato che il nozzle deve saltare da uno all'altro costantemente.
Come già e stato detto precedentemente, questo effetto può essere ridotto utilizzando la retrazione, ma è inoltre caldamente consigliato che i pezzi (più di uno) vengano stampati in modo sequenziale invece che simultaneo.

Con la stampa sequenziale intendiamo la stampa completa di un pezzo prima di cominciare a stampare il seguente.

Questo si può ottenere in 2 modi diversi:

L'opzione più banale e di stampare solo un pezzo e, una volta terminato, ripetere la stessa
stampa tante volte quante si desidera.

La seconda alternativa, più avanzata e che presenta alcuni limiti, è quella di utilizzare l'opzione offerta da alcuni programmi di SLICING di stampare un pezzo alla volta. La dimensione massima
dei pezzi che possono essere stampati utilizzando questo metodo è data dalle dimensioni del
nozzle e dalla disposizione degli assi della stampante. Consigliamo caldamente di informarsi su
come utilizzare queste opzioni per non correre il rischio di danneggiare la stampante.

Si consiglia quindi, prima di procedere con questa modifica, di prendere visione di come agire attraverso i link seguenti:

A) CLICCA QUI   

B) CLICCA QUI    

C) CLICCA QUI  

IL PRIMO STRATO

Il primo strato e il fondamento del resto di tutti gli altri strati e può quindi determinare la differenza tra una stampa soddisfacente e una stampa pessima o abortita.

Nella stampa con i filamenti flessibili si deve porre una particolare attenzione al primo strato dato che, a volte, una stampante livellata correttamente per stampare con PLA o ABS, può non esserlo per stampare il filamento flessibile in modo corretto.

Per sapere se la stampante e livellata correttamente bisogna osservare attentamente in che mo-
do la macchina effettua il primo strato.

Se il primo strato appare translucido signica che il nozzle è troppo vicino alla piattaforma e sarà
necessario separarlo di qualche micron.

Invece, se il primo strato sembra scollarsi o le tracce di materiale depositato presentano spazi senza materiale tra di loro sarà necessario avvicinare il nozzle di alcuni micron alla piattaforma di stampa.





1° NOZZLE TROPPO LONTANO  - 2° NOZZLE TROPPO VICINO  3° NOZZLE CORRETTAMENTE LIVELLATO

Questa regolazione puo essere effettuata attraverso il software, regolando lo z-ofset nel programma di LAMINAZIONE, o regolando il meccanismo di livellazione della piattaforma di stampa.

CONSIGLI DI LAMINAZIONE

L'ALTEZZA DELLO STRATO

L'altezza dello strato determina la qualità del pezzo e il tempo di stampa.
Utilizzando un nozzle da 0.4 mm abbiamo notato che l'altezza ottimale dello strato e di 0.2 mm.
Con questa altezza si otterranno strati fortemente uniti con una finitura della superficie eccellente.

I TOP LAYERS ED I PERIMETRI

I top layers e i perimetri sono la copertura laterale e superiore del pezzo. Il numero adeguato di
questi dipenderà dall'INFILL ( riempimento pareti) e dall'uso che si andrà a fare del pezzo.

Con un INFILL alto si può ridurre il numero di top-layers a 3, dato che la parte piena del pezzo
darà loro una buona base dove appoggiarsi. Utilizzando dei valori di INFILL medi o bassi è consigliabile aumentare il numero di top-layers a 5, per essere sicuri che la parte superiore del pezzo sia completamente sigillata.

Se il pezzo deve subire deformazioni è consigliabile aumentare il numero di shells o perimetri orizzontali. Aumentando il numero di perimetri orizzontali si eviterà che nelle pareti del pezzo possano crearsi fessure se si effettua pressione o trazione su di esse.
Questi consigli sono validi quando si usa un nozzle da 0.4 mm e un'altezza di strato di 0.2 mm.
Se la dimensione del nozzle o l'altezza dello strato variano, anche il numero di perimetri e di top-
layers ottimali cambierà

Invitiamo quindi tutti gli utenti ad effettuare le prove NECESSARIE con pazienza e passione e a condividere eventualmente con noi il risultato, facendo quindi opera di GRUPPO UTENTI con il vostro FEEDBACK e per questo FILOPRINT ringrazia fin d'ora.

INFLUENZA DELL' INFILL NELLA FLESSIBILITA'

La quantita e il disegno dell'INFILL ha una grande influenza nel grado di flessibilità dei pezzi stampati con filamenti flessibili.

Un pezzo con un INFILL vicino al 100% si comporterà come un blocco di gomma e può essere una
buona opzione per pezzi come silent-blocks o spacers oppure O-Ring.

Utilizzando invece un INFILL basso al 15%, si otterranno pezzi molli che potranno essere schiacciati e deformati.

Anche il modello di INFILL condiziona la flessibilità, non hanno lo stesso comportamento un tipo di INFILL rettilineo ed uno tipo HONEYCOMB (a nido d'ape). Si consiglia di effettuare le dovute prove e scegliere quello più adatto al progetto voluto.

UTILIZZO DI UN NOZZLE DI DIMENSIONI MAGGIORI

La maggior parte delle stampanti utilizza di serie un nozzle da 0.4 mm, una dimensione di nozzle che offre una buona proporzione velocita/risoluzione. Un filamento in gomma di media durezza tipo con SHORE A85, si stampa perfettamente con questo tipo di nozzle, comunque è bene fare una puntualizzazione.

La dimensione del nozzle limita la quantità di materiale che può essere estruso per unita di tempo.
Utilizzando filamenti rigidi questo limite è maggiore, dato che si può aumentare la velocità e il filamento sopporta la pressione extra necessaria affinché il materiale esca dal nozzle in modo corretto.

Con i filamenti in gomma di media durezza tuttavia ( ancor più quelli morbidi con SHORE A 74/78), il filamento si comprime se questa pressione e troppo alta e, generalmente, deve essere stampato a velocità minore.

Perciò, se vuoi estrudere in modo corretto un filamento con SHORE A 80/90 a velocità elevate, è consigliabile l'utilizzo di un nozzle di dimensioni maggiori, a partire da 0.6 mm. Utilizzando uno di questi nozzle si potrà stampare molto più rapidamente, con altezze degli strati superiori, sacrificando qualcosa nella risoluzione. Se, dopo le prove necessarie, il pezzo è soddisfacente sia in estetica che in velocità di esecuzione, avrete trovato il giusto compromesso per la stampa 3D del filamento flessibile usato.

SUPPORTO PER LA BOBINA

Per stampe lunghe è fondamentale che la bobina sia collocata su un supporto adeguato, che
permetta a questa di srotolarsi dolcemente e senza intoppi. Sul WEB ce ne sono di ogni tipo, adeguati ad ogni forma di bobina anche di grandi dimensioni, pronti da essere scaricati in formato STL e poi auto-stampati in 3D.


E' molto importante NON trascurare questo particolare perché molto spesso è proprio la mancanza di un giusto supporto bobina che potrebbe far fallire le stampe, specie quelle con bobine di grosse dimensioni.