Visualizzazioni totali

venerdì 29 maggio 2015

La magia del grafene ulteriormente definita: ricercatori Usa stampano in 3D Materiale in grafene per antenne Wi-Fi

La magia del grafene ulteriormente definita: ricercatori Usa stampano in 3D Materiale in grafene per antenne Wi-Fi


Mentre grafene può essere considerato come uno dei più interessanti materiali emergenti nel settore della stampa 3D, il fatto che si è intrisa di caratteristiche conduttive ne ha aumentato di molto l’interesse, specialmente per la stampa in FFF/FDM.

Ora, i ricercatori dell'Università di Manchester
http://www.manchester.ac.uk/ sembrano aver colmato il divario tra grafene e trasmissioni wireless, che hanno delineato in un recente documento che dimostra come la lavorazione a bassa temperatura di inchiostro di grafene può essere utilizzata per sfruttare al massimo le sue qualità conduttive.


In Binder-free highly conductive graphene laminate for low cost printed radio frequency applications http://scitation.aip.org/content/aip/journal/apl/106/20/10.1063/1.4919935 (letteratura solo in inglese), "scritti da ricercatori universitari Xianjun Huang, Ting Leng, Xiao Zhang, Chen Jia Cing, Kuo Chang Hsin, Andre K. Geim, Kostya Novoselov S., e Zhirun Hu, nuove meraviglie sono stati segnalate nella rivista Applied Physics Letters, mentre esplorano le capacità del grafene.

Co-autori Andre Geim e Kostya Novoselov hanno ricevuto il Premio Nobel per la Fisica nel 2010 per la scoperta del grafene. I loro risultati sono stati impressionanti specialmente per la scoperta, attraverso la compressione, che la conduttività del grafene laminato si è esponenzialmente aumentata, di più di 50 volte.


Inoltre, la formazione di grafene laminato dall'inchiostro è semplice e può essere effettuata a bassa temperatura (100 °C), riducendo notevolmente i costi di fabbricazione.

Questo ovviamente ha grandi implicazioni per la stampa 3D con grafene. La loro ricerca ha portato all’implementazione in elettronica per una buona notizia riguardo alla speranza di utilizzare il grafene come materia di antenne leggere ed i risultati hanno mostrato che il grafene laminato può infatti fornire "modelli per perdita di ritorno, guadagno, larghezza di banda, e radiazioni praticamente accettabili." Questo dovrebbe essere particolarmente interessante in un contesto di identificazione a radiofrequenza (RFID), come i microchip per gli animali domestici, e reti di sensori wireless che si trovano in dispositivi indossabili.

Lo studio dimostra che il grafene stampabile è ora pronto per l'uso commerciale in applicazioni a radiofrequenza a basso costo ", ha rivelato Zhirun Hu, un ricercatore presso la Scuola di Ingegneria Elettrica ed Elettronica presso l'Università di Manchester.

Ci sono altri inchiostri altamente conduttivi disponibili, come l'argento, ma generalmente si trova ad un costo proibitivo. Altre scelte, come il rame e l'alluminio, non sono durevoli e diventano rapidamente corrosi.

Utilizzando un metodo chiamato "compressione a rotazione", il team di ricercatori ha scoperto che si è in grado di aumentare la conduttività del grafene in modo sostanziale. Sono stati fatti dei testa nel tentativo di produrre un dipolo di antenna funzionale che ha effettivamente irradiato energia efficacemente dopo la stampa con successo con binder- laminato in grafene gratuito.

Nella fabbricazione, non è richiesta alcuna alta temperatura di ricottura o vuoto di condizione termica. Questo non solo rende la stampa compatibile con carta / plastica, ma riduce anche i costi di produzione in modo significativo. Inoltre, la stampa dello schermo è ideale sia per high-throughput che per la produzione commerciale di massa a basso costo.

Il grafene è la soluzione ideale che offre sia stabilità e flessibilità, insieme al grande vantaggio della convenienza. Antenne che possono essere stampati in 3D in grafene dovrebbero offrire una grande spinta al mercato di antenne indossabili RFID, così come l'apertura di un certo numero di altre applicazioni come la stampa di un tessuto e di plastica particolare hi-tech.


Il punto è che il grafene non è più solo una meraviglia scientifica. Porterà molte nuove applicazioni alla nostra vita quotidiana molto presto.

Infatti, quest’ultima ricerca, mostra l'evoluzione del grafene come materiale altamente conduttivo che è stato impressionante e che mostrerà presto altre notevoli utilità nel suo modulo fisico di implementazione.

Come pensate che utilizzando grafene in stampa 3D di prodotti conduttivi come antenne si evolverà ulteriormente?

giovedì 28 maggio 2015

FILAMENTO FLEXFIL CO-POLIESTERE per stampa di oggetti gommosi perfetta

FILAMENTO GOMMA FlexiFil ™ base co-poliestere

FlexiFil ™ è un filamento per stampante 3D che restituisce oggetti simili alla gomma, molto flessibili, come parti di macchine, Characters, oggetti cinematografici, scarpe, ciabatte ed altri oggetti gommosi. FlexiFil ™ è un filamento termoplastico co-poliestere flessibile, con una durezza Shore di 45D.


FILOPRINT propone 3 colori in matassine SOLO da 5 metri (e multipli di 5 metri) per test setting e prove di stampa.

FlexiFil ™ offre alte prestazioni grazie al tipo di gomma termoplastica Co-poliestere (TPC) di cui è composto. FlexiFil ™ ha uniche proprietà di resistenza alla flessione, inoltre gli oggetti stampati 3D avranno una "memoria a flessione", permettendo agli stessi di tornare indietro alla loro posizione originale, dopo essere stati piegati o ammaccati.


FlexiFil ™ non è solo un filamento flessibile. Possiede infatti anche alcune caratteristiche più rilevanti. E’ un TPC ad alte prestazioni che offre una combinazione unica di flessibilità, resistenza a temperatura elevata, resistenza alla trazione e compressione e una eccellente resistenza ai raggi UV e buona resistenza agli agenti chimici. La combinazione delle caratteristiche di cui sopra rendono FlexiFil ™ un filamento unico nel suo genere.

FlexiFil ™ filamento è un TPC BIO-prestazionale con un impatto ambientale sensibilmente ridotto rispetto ai tipici filamenti stampante co-poliestere 3D. FlexiFil ™ contiene in parte elementi con carbonio rinnovabili, come gli oli a base biologica.


Le caratteristiche uniche di FlexiFil ™

Molto flessibile con effetto memoria / flessione
Buona resistenza agli agenti chimici
Ottima resistenza ai raggi UV

Resistente al calore a lungo termine

Nuovo filamento da 3DXTech High-Modulus Carbon Fiber PETG estremamente rigido e più facile da stampare

Nuovo filamento da 3DXTech High-Modulus Carbon Fiber PETG estremamente rigido e più facile da stampare


Una delle aziende più performanti nell’espansione e miglioria del settore materiali per FFF / FDM 3D è l’Americana 3DXTech. Oggi hanno rivelato l'ennesimo nuovo filamento - 3DXMax ™ CFR-PETG Carbon Fiber Reinforced PETG - http://www.3dxtech.com/high-modulus-carbon-fiber-petg-3d-printing-filament/

In linea con l’obiettivo di fornire al mercato 3DP materiali di prima qualità ad alte prestazioni, questo nuovo filamento con un alto grado di fibra di carbonio, permette una stampa 3D di oggetti estremamente rinforzati e resistenti. Il nuovo filamento 3DXMax CFR-PETG Carbon Fiber Reinforced PETG è un composto personalizzato di Eastman PETG e-High Modulus Carbon Fiber.


Il filamento, che è disponibile sia in 1,75 millimetri e 2,85 millimetri di diametro, sarà disponibile presso FILOPRINT a multipli di 10 metri per prove e test di stampa entro la fine di Giugno 2015, perché la data ufficiale della distribuzione sarà il 22 Giugno.


La fibra di carbonio si pone come additivo di trasformazione per la stampa 3D, che aggiunge la rigidità eccezionale al composto rendendo allo stesso tempo più leggera nel peso la stampa 3D dell’oggetto. Per quanto riguarda il PETG, offre una base più duttile, consentendo un carico elevato di CF mantenendo caratteristiche di morbidezza anche al tatto. Aderisce perfettamente ad ogni lettino di stampa e sembra possedere un’ottima adesione di strato. La fibra di carbonio non solo aggiunge rigidità e stabilità dimensionale, ma ha un'eccellente qualità estetica dell’oggetto realizzato che appare con un look professionale.

Per quanto riguarda le impostazioni di stampa consigliate per questo nuovo filamento, sono le seguenti:
Estrusore: consigliato 230-250 °C; fino a max  270 °C
Letto di stampa Temp: 70 a 90 °C, fino a 110 °C
piattaforma di stampa: vetro  / Kapton Tape / nastro blu
Ugello: raccomandato minimo 0,35 millimetri

I vantaggi del nuovo 3DXMax CFR-PETG includono:

Superiore resistenza chimica rispetto all’ABS
Amorfo: bassa e vicina a ritiro isotropo
Basso assorbimento di umidità rispetto all’ABS
Bassissimo odore emesso durante la stampa
Ampia gamma di elaborazione: 230-270 ° C
La fibra di carbonio è più abrasiva rispetto ai materiali, così l'uso prolungato si tradurrà in un maggior consumo sul vostro ugello.
Pertanto si raccomanda di utilizzare ugelli in acciao inox nel caso si utilizzasse per lungo tempo questo tipo di filamento

Vogliamo sottolineare che questo nuovo materiale, fornisce una resistenza chimica superiore rispetto ai più tradizionali ABS. Inoltre non ha praticamente nessun restringimento in fase di stampa ed assorbe l'umidità tre volte meno rispetto a quello di un normale ABS sempre caricato con il  carbonio.

Cosa ne pensate di questo nuovo materiale? Siete propensi alla prova? Quali tipi di oggetti pensate di poter realizzare con questo tipo di filamento?

Fateci sapere le vostre impressioni e magari potremo soddisfare le vostre richieste di test nel più breve tempo possibile.


mercoledì 27 maggio 2015

NimbleWings Adattatore per eliche di DRONI che permette lo Swapping e la sostituzione per rottura degli elementi in un click

NimbleWings Adattatore per eliche di DRONI che permette lo Swapping e la sostituzione per rottura degli elementi in un click


Per gli appassionati di droni quadcopter o Multirotor, una notizia davvero interessante. I crasch del drone, soprattutto nelle prime fasi di sperimentazione ed adattamento al volo, sono numerosi e quindi anche deleteri, soprattutto per le eliche la cui inevitabile rottura è da mettere in conto.


Per la maggior parte dei droni, si tratta di svitare i singoli tappi elica, che devono essere allentati con un paio di morsette, ricostruire le eliche, e poi di nuovo rimontare tutto il supporto con viti ed annessi altri tappi.

Davey Tran ha escogitato un semplice ma efficacissimo sistema click & go davvero ingegnoso.

Sul suo sito blog di riferimento http://www.thingiverse.com/daphey/about ha deciso di rimediare a questi fastidiosi inconvenienti grazie ad un adattatore che gli avrebbe permesso di cambiare le eliche con un semplice click, e senza il fastidio di dover smontare e rimontare tutte le volte.


Prima ha definito un elenco di requisiti che il suo nuovo adattatore per elica avrebbe duvuto avere di standard.  http://www.thingiverse.com/thing:752423 questo adattatore dovrebbe consentire la sostituzione rapidamente, senza strumenti e non richiede serraggio di alcun tipo. Il Click di incastro è tuttavia robusto abbastanza per sopportare l’elevata forza centrifuga generata dall’alta velocità di rotazione delle eliche, senza rotture o sganci inopportuni.

Tran ha pubblicato nel suo sito web NimbleWings http://www.nimblewings.com/ le istruzioni del caso. Grazie a più utenti che hanno eseguito test di controllo si sono susseguiti importanti e significativi step di miglioramento e Tran crede che il sistema sia pronto. Poiché la maggior parte degli hobbisti quadcopter non hanno le stampanti 3D, Tran vuole cercare iniziare la produzione di massa del adattatore a click per le eliche.

Ecco alcuni video di Tran su come funziona l’adattatore a click :


Attualmente sta preparando una campagna Kickstarter per la loro fabbricazione, senza stampanti 3D. E 'inoltre ancora alla ricerca di beta tester che vogliono provare il sistema e offrire testimonianze video da mettere sul suo sito come compendio di esperienza. Se volete partecipare allo sviluppo del  sistema beta Click wings potete visitare NimbleWings http://www.nimblewings.com/blog/2015/5/18/click-adapters-background-story per ulteriori informazioni, o iscriversi al gruppo Beta Testing di Google.

Robotica e Droni, educazione scolastica sul volo STEM con Skybot 3D un piccolo Drone stampato in 3D

Robotica e Droni, educazione scolastica sul volo STEM con Skybot 3D un piccolo Drone stampato in 3D


Droni e la robotica sono la spina dorsale della moderna scuola elementare d’istruzione STEM. Coinvolgere i bambini con piani di lezione che imparano giocando, è un ottimo modo per tenerli interessati e incoraggiarli a familiarizzare con la tecnologia moderna. In italia siamo ancora molto lontani da questo stile di insegnamento, tranne che per rari e sporadici eventi magari finanziati da privati  o da piccole e medie aziende in cerca di potenziali geni! La triste realtà è che molte scuole moderne non sono semplicemente in grado di permettersi le attrezzature necessarie per un programma di formazione adeguato. Molti droni e robotica in kit progettato per la classe possono ancora costare centinaia di dollari per studente. Inoltre, apparecchiature come stampanti 3D, anche se oggi scese di molto nei prezzi, non sono ancora tuttavia abbordabili per i budget scolatisci.


Ciò significa che se alcuni degli insegnanti della scuola elementare sotto-finanziati vogliono portare l'istruzione STEM utile nella loro classe, occorre che riescano a farsi sponsorizzare da qualche privato od istituzione.

Una possibile soluzione può arrivare da campagna come quella partita su Kickstarter https://www.kickstarter.com/projects/skybotla/skybot-build-your-own-drone dove è stato lanciato di recente una iniziativa molto interessante.

Skybot è un progetto di un piccolo drone stampato in 3D ed in kit, capace di guidare gli studenti, o anche adulti interessati, attraverso i concetti del drone e della robotica di base. Il kit aiuterà gli studenti a capire i fondamenti del volo di droni e sviluppare l'esperienza pratica di aerodinamica utilizzando componenti e parti elettroniche reali. Tutto il software Skybot drone, la fabbricazione e lo sviluppo è stato fatto da zero per fare in modo che fosse facile da usare e costruire pur essendo un'esperienza educativa arricchente.

Date
un'occhiata al video Skybot campagna di Kickstarter:

Il drone che ne risulta è un piccolo, leggero e resistente mini drone Radio Comandato molto semplice da costruire e facile da far volare. Skybot ha una forma esagonale unica che consente un baricentro molto concentrato, minimizzando il peso e rendere il teleaio molto resistente a torsioni o pressioni. Per stampare il telaio del drone in 3D, educatori e studenti possono scaricare i file originali e modificarli all’occorenza, utilizzando semplici programmi di modellazione come Tinkercad https://www.tinkercad.com/ 


I primi sostenitori di questa campagna su Kickstarter https://www.kickstarter.com/projects/skybotla/skybot-build-your-own-drone possono ottenere un kit del drone completo, con tutto ciò che è necessario per la costruzione per un contributo di 64 dollari per iniziare. Ciò comprende il telaio 3D stampato, la scheda di controllo e microcontrollori, i motori quad, lame sostituibili Geo-Blade, un contenitore per batteria e caricatore e facili istruzioni di montaggio. Tutto è stato progettato in modo che non ci sia nessuna saldatura necessaria per assemblare e cablare il drone. Il Kit comprende anche esempi di codice che permetteranno al drone di eseguire automaticamente voli acrobatici e trucchi di controllo particolari.


La campagna sta cercando di raccogliere 6.400 dollari per avviare una piccola  produzione del kit Skybot e sarà attiva per circa altri due mesi. Onestamente, noi di FILOPRINT crediamo che questo sia un’interessantissima offerta perché la maggior parte dei piccoli droni telecomandati di questo tipo costano cifre prossime a $ 100 ed i primi sostenitori avranno la soddisfazione di costruire il drone per conto proprio, ad un prezzo molto conveniente.

lunedì 25 maggio 2015

COLORFABB BRONZEFILL 3D - ISTRUZIONI SU COME STAMPARE E POST-ELABORARE LA RIFINIZIONE A BRONZO

COLORFABB BRONZEFILL 3D  - ISTRUZIONI SU COME STAMPARE E POST-ELABORARE LA RIFINIZIONE A BRONZO


BronzeFill è un filamento composito. Si tratta di un mix di un 20% di PLA / ColorFabb PHA (che è più duro e meno fragile rispetto a tutti gli altri standard PLA) e l'80% di particelle di bronzo. Ciò si traduce in un filamento marrone che è 3 volte più pesante di un normale filamento in plastica. ATTENZIONE: Le particelle di metallo rendono il filamento molto fragile e si può facilmente rompere se piegato eccessivamente. Se maneggiato con cura, una volta dentro la macchina di stampa 3D, non ci saranno problemi e non si romperà mai durante la stampa stessa.

Stampe con bronzeFill

Per questo test è stato usato un estrusore tipo presa diretta e senza lettino riscaldato. Alimentazione del filamento nell'estrusore lavora senza problemi. Non toccare il filo nella zona vicino all’Hot-End perché ci si potrebbe ustionare dato la notevole trasmissione di calore lungo il filo che essendo composto di polveri di metallo, si rende molto caldo

Durante la stampa (a 205ºC), tuttavia, le particelle metalliche del filamento appena stampato tendono a raffreddare molto rapidamente a causa della ventola attiva dell'estrusore. Ciò rende l’oggetto stampato molto pulito, con linee di layer poco evidenti.



Look & Feel

Gli oggetti stampati con bronzeFill sono qualcosa di speciale - anche se non rifiniti - a causa del peso: il fatto che è 3 volte più pesante di una normale stampa 3d, lo distingue da qualsiasi altra stampa 3D mai toccata prima. Naturalmente, si può rendere ancora più pesante l’oggetto quando si aumenta il riempimento, ma si consiglia di rimanere con percentuali che vanno dal 25% al 30%.


finitura

La prima cosa da fare dopo la stampa è la levigatura con carta abrasiva sempre più fine in modo manuale. Si consiglia di non usare utensili perché la velocità di questi strumenti è troppo alta e può cuocere l’oggetto, oltre che raschiarlo troppo!


Suggeriamo l'utilizzo di lana d'acciaio per rendere brillanti le particelle di bronzo. Si consiglia l’utilizzo di spugnette Vileda glitzi PowerInox con fibre di acciaio inossidabile. Senza usare molta forza, si è in grado di far splendere l’oggetto dopo pochi minuti di sfregamento


Esperimenti con Corrosione

Si può anche tentare di rendere l’oggetto stampato con l’aspetto di metallo corroso. Per fare questo si può mettere l’oggetto stampato sotto la pioggia per alcuni giorni, magari versando sull’oggetto un po’ di sale come si può vedere in foto. Dopo questo trattamento e circa 6 settimane di intemperie il risultato si può vedere nella foto allegata



Conclusione

Con i filamenti compositi come bronzeFill ed anche CopperFill piuttosto che BrassFill redono la stampa Fused Filament Fabrication (FFF) 3D Printing davvero molto creativa e si riesce ad avere risultati di oggetti che simulano molto la realtà. Non è solo il peso ad aggiungere la qualità percepita dell'oggetto, ma la possibilità di levigatura e polising che permette di rimuove il famigerato look a strati che la maggior parte le stampe 3D hanno – senza rovinare molto i dettagli.


Quindi, per i professionisti creativi, FILOPRINT consiglia la prova di questi materiali, indicati anche per la realizzazione di oggetti Caracters, oggetti di scena, riproduzioni di oggetti metallici, oggetti di design ecc.ecc. Non solo dal punto di vista della resa metallica ma, con i filamenti che simulano il legno,  anche da quelli legati al legno, bambù o di pietra – con costi contenuti e soprattutto con la facilità di prototipazione con stampanti 3D FFF rispetto alle macchine SLA e/o stampanti DLP a resina, ben più costose da acquistare e gestire.

Di seguito anche un altra interessante indicazione per una migliore stampa 3D possibile con macchine ULTIMAKER 2  e MAKERBOOT REPLICATOR 2 per un miglior dettaglio di stampa.


FILAMENTO BRONZEFILL



LETTO DI STAMPA

Questo filamento si può stampare su piattaforme di costruzione riscaldate e non, anche per modelli di grandi dimensioni. Per le piattaforme di costruzione fredde si consiglia di usare NASTRO BLU con LACCA forte. Facciamo notare che bronzeFill si comporta meglio di qualsiasi altro PLA e quindi non ha nessun tipo di deformazione alla base.

Per le piattaforme di costruzione riscaldata consigliamo una temperatura di 55-60 °C, che non mancherà di tenere la stampa ben attaccata alla piattaforma. Può essere stampata direttamente su vetro o con un po' di gluestick applicata sopra ad esso. E' possibile stampare anche su nastro Kapton con le stesse impostazioni di temperatura.

IMPOSTAZIONI SLICER

Le prossime tabelle mostrano le impostazioni di SLICING più rilevanti per Cura e Makerware. Si consiglia di utilizzare un software SLICER diverso nel caso non si potesse essere in grado di trovare impostazioni simili per creare i propri profili.

IMMAGINE SETTING ULTIMAKER
FOTO TEST TORTURA 1
Il test di tortura, stampato sulla Ultimaker originale. Lieve effetto STRINGING che può essere risolto con una regolazione del valore di retrazione



FOTO TEST TORTURA 2
Un ottimo risultato del test di tortura stampato sul Replicator Makerbot 2.


LINK A FILE PROFILO MODIFICATO A BRONZEFILL PER ULTIMAKER 2: http://learn.colorfabb.com/wp-content/uploads/2014/07/ultimaker_2_02_bronzefill.rar

LINK A PROFILO MODIFICATO PER MAKERBOOT REPLICATOR 2 PER BRONZEFILL: http://learn.colorfabb.com/wp-content/uploads/2014/07/makerbot-replicator2_colorFabb_bronzeFill-medium.rar

POST PRODUZIONE




  1. Carteggiatura

    Per prima cosa occorre fare una carteggiatura al modello con una grana di carta vetrata da 220-240 che dovrebbe funzionare bene. BronzeFill è molto facile da carteggiare quindi, a seconda del modello, questo non dovrebbe richiedere troppo tempo. Aumentando la granatura della carta vetrata si otterrà un'esposizione delle particelle di bronzo alla superficie, ma sarà ancora opaco.

IMMAGINE PRODOTTI PER CARTEGGIATURA

  1. Lana d'acciaio

    Un suggerimento ci è arrivato da Paul Braddock, (suggeriamo visionare il suo fantastico sito:
    http://www.paul-braddock.com/ ) un artista di talento nella modellazione di CHARACTERS e membro attivo della comunità Ultimaker. Ha usato lana d'acciaio per lucidare la superficie che espone le particelle di bronzo ancora di più della cartavetra. Per questo questo metodo è stato usato lana d'acciaio grado fine e rimarrete colpiti da come l'oggetto diverrà lucido!
  1. Come Rendere lucido!
    Ora che gli strati sono stati carteggiati e le particelle di bronzo già brillano un po' sopra della superficie siamo pronti per la fase successiva. Ci sono così tante modalità per lucidare il bronzo. Qui è stato usato uno smalto di rame che ha dato buoni risultati. E' stato applicato con un panno asciutto facendo piccoli movimenti circolari e applicando una leggera pressione, quindi è stato usato l'altro lato del panno pulito per ottenere il massimo di pulizia e lucido di tutta la pasta lucidante.

IMMAGINE ELEMENTI LUCIDATI CON PATINA ANTIGUE

Una stampa da Paul Braddock "trattata con una patina antica, il riempimento di bronzo reagisce ad essa, dando l'effetto del bronzo fuso".


A parte la lucidatura del materiale per renderlo più brillante può valere la pena di testare anche prodotti per creare un look patinato. Questo è ciò che è possibile creare con una prodotto come la  patina antigue, davvero sbalorditivo.

di seguito alcuni link a siti che vendono materiali particolari per la lucidatura e patinatura:
1) CLICCA QUI  


CONSIGLI SUL TRIMMING


Abbiamo stampato con successo una statuetta alta 12 cmt usando una ultimaker 2. Abbiamo impostato altezza impostazione layer 0,2 millimetri, 50mm / s (3000 mm / min) Velocità, 215°C Temperatura di estrusore, 60°C lettino riscaldato, 4,5 millimetri percorso di svincolo, 45 millimetri / s velocità di svincolo. Stampato su piattaforma con nastro blu con leggero strato di lacca per capelli. Utilizzando Simplify3D, abbiamo rallentato la velocità di stampa del 50% appena il filamento ha cominciato ad avere problemi di scivolamento. Abbiamo serrato anche un poco la vite dell'estrusore per avere un maggior potere di trascinamento rispetto ad un normale filamento in PLA. E' stato usato anche il supporto ed è stato possibile rimuoverlo molto facilmente.

Abbiamo avuto leggeri problemi di tesatura (STRINGING). Tuttavia, è possibile rimuovere le tracce di tesatura semplicemente strofinando l'oggetto anche con le sole dita della mano. Il peso della stampa finale è veramente impressionante.



RepRap pro ha appena rilasciato un nuovo modello di Stampante Fisher Delta 3D per solo 199 sterline, circa 300 euro

RepRap pro ha appena rilasciato un nuovo modello di  Stampante Fisher Delta 3D per solo 199 sterline, circa 300 euro


Nel corso dell'ultimo anno, abbiamo davvero cominciato a vedere i prezzi delle stampanti 3D scendere in modo sostanziale. Solo pochi anni fa, l'idea di acquistare una stampante 3D per meno di 1.000 dollari sarebbe stato inaudito. Oggi, ci sono letteralmente decine di macchine differenti disponibili per quasi la metà prezzo. Ovviamente questo è necessario al fine di ampliare il parco macchine vendute ed ovviamente tutto quello che comporta l’indotto attorno alla stampa 3D, permettendo quindi un business e posti di lavoro per giovani imprenditori ed addetti ai lavori.

Noi di FILOPRINT abbiamo riportato notizia di una stampante 3D in KIT chiamata Play Lewihe, che è stata presentata al prezzo incredibile di $ 77. La Lewihe Play è una macchina non montata, che richiede agli utenti di acquistare i loro propri motori, estrusori e altri componenti, abbastanza facilmente aggiungendo fino a oltre $ 150 in ulteriori acquisti. Mentre il prezzo rimane ancora estremamente basso, in realtà, la stampante a 77 dollari non è proprio il suo valore funzionale ma, come è successo per i PC assemblati degli anni 90 questa potrebbe essere una strada da seguire per abbassare notevolmente i prezzi e permettere a praticamente tutti, di avere una stampante 3D.


Oggi, un'altra società chiamata RepRapPro https://reprappro.com/ ,  ha appena rilasciato una stampante 3D, chiamata Fisher Delta. La Fisher Delta viene venduta al prezzo di 199,00 sterline (circa $ 308), ed è disponibile solo in forma "kit". Ciò significa che tutte le parti ed i componenti sono forniti ma si devono montare da soli. Questo può sembrare un compito arduo, ma in realtà non lo è, od almeno non per chi conosce il settore oppure ha un po’ di dimestichezza o piccola esperienza già pre-acquisita.

A differenza della maggior parte delle stampanti 3D FFF / FDM del desktop che si vede sul mercato, la Fisher Delta è una macchina stile delta, capace di oggetti di stampa che sono abbastanza grandi nella direzione dell’asse "z" . I kit sono attualmente quotati come "beta", il che significa che si tratta di una grande opportunità per afferrare la macchina ad un prezzo estremamente basso. Una volta che la versione beta non è più disponibile, ci si può aspettare che il prezzo aumenti di circa 50 sterline. L'azienda dice che la versione finale del Fisher Delta probabilmente si dovrà evolvere un po' specialmente dopo che avranno raccolto le informazioni di feedback e dei dati di verifica e controllo dai loro clienti che hanno acquistato le versioni beta, certamente migliorabili.


Gli ordini per la stampante 3D hanno un lead time di circa 4 settimane. Qui di seguito potete scoprire alcune specifiche di questa Delta Fisher:

Volume stampante: diametro 150mm, altezza 180 millimetri
Diametro ugello: 0,4 millimetri
Risoluzione: 12.5um in tutte le direzioni
Letto di stampa: superficie di stampa rimovibile
Estrusore: azionamento diretto con ugello in acciaio inox
Connectivity: Ethernet e interfaccia USB
Storage: a bordo con stoccaggio via microSD

Non è dato sapere quanto tempo durerà ancora l’offerta a questo basso "beta" prezzo, quindi se siete interessati a ottenere quella che sembra essere una stampante 3D di alta qualità, da una società di tutto rispetto, si consiglia di conttattare subito l’azienda che si trova in Inghilterra e quindi nella CEE dove si può acquistare senza dazi doganali e con una spesa per il trasporto abbastanza contenuta.

Fateci sapere cosa ne pensate rispondendo qui sul nostro blog.

venerdì 22 maggio 2015

Incredibili modellini di camion da lavoro stampati in 3D prendono vita in un contest davvero spettacolare questo Scratch Built RC Dump Truck

Incredibili modellini di camion da lavoro stampati in 3D prendono vita in un contest davvero spettacolare questo Scratch Built RC Dump Truck


Uno degli usi più creativi per le stampanti 3D sta venendo fuori da zero con notevole veemenza in questo ultimo periodo. Modelli Scratch costruiti in modo estremamente dettagliato e meticolosamente definito in scala per automobili, aerei, navi spaziali e persino macchine per movimento terra.


Dopo il fantastico modelli del CATERPILLAR excavator presentato pochi giorni or sono proprio su questo blog, ora è il turno di un vero CANTIERE di lavoro per CAMION, RUSPE, ESCAVATORI, GRU e tutto quanto serve per il movimento terra, tutto rigorosamente stampato in 3D e dettagliatamente riprodotto, in modo incredibilmente realistico.


Brian Almeida è uno degli artisti numero uno fra gli scratchbuild e hobbisti che hanno pienamente abbracciato la stampa 3D. Il suo ultimo progetto è un RC (Radio/Comandato) dumper riprodotto in modo molto dettagliato che alla guida ha perfino un autista riprodotto in 3D con le sue sembianze.


Il suo incredibile dumper è in scala 1/14. Misura 27 pollici di lunghezza, 15.5 pollici di larghezza e di 12 pollici di altezza. Il camion è del tutto funzionale, dal letto di dumping, allo sterzo, le luci e la porta della cabina, che si apre e si chiude regolarmente. Ci sono anche i suoni autentici, tipici del track come quando viene acceso il suo motore che “suona” come un vero e proprio motore diesel.


Almeida è davvero un professionista nel settore; non solo ha costruito dei fantastici modellini di auto da corsa R/C da quando era un ragazzino, ma ha anche studiato alla School of Visual Arts a Manhattan. E 'anche un artista del tatuaggio e gestiva un negozio di montaggio auto che si è specializzato nella personalizzazione di vernice per la carrozzeria su auto e moto.


Questa sua variegata conoscenza gioca ovviamente un ruolo importante nel suo lavoro, mentre i dettagli del suo progetto di costruzione sul Truck RC & forum http://rctruckandconstruction.com/showthread.php?t=9883  sono visibili in condivisione a tutti per la costruzione passo dopo passo dei suoi modellini, in perfetto spirito MAKER. L'attenzione al dettaglio è sorprendente in realtà, dalla sospensione della ruota di lavoro, le fasi di ingresso realistiche di accesso a tutte le parti del mezzo ed il motore elettrico che è stato racchiuso all'interno di una replica stampata in 3D  di un vero e proprio motore.

Solo se vedete si può credere all’incredibile; potete vedere il video del dumper in azione al 2015 Cabin Fever Expo http://www.cabinfeverexpo.com/ . Il dumper è visibile durante tutto il filmato ma soprattutto dopo circa 30 minuti, ma l'intero video è piuttosto interessante e se vi piace guardare le  costruzioni in scala in azione questo filmato è davvero un must.


Il dumper è stato progettato in 123Design e Autocad con riferimento di foto scaricate da internet e alcune specifiche tecniche che Almeida era in grado di ottenere da del New Jersey Foley Caterpillar. Ci sono oltre 70 parti e particolari stampati in 3D realizzate in più di 70 ore per la stampa 3D su una MakerBot Replicator 2, senza tener conto ovviamente di parti che lui ha fabbricato in lamiera di metallo e filo acciaio. Almeida non aveva mai usato così fortemente la stampa 3D nei suoi progetti ma ora è diventata uno strumento essenziale e prezioso.

Almeida sostiene che un giorno ha deciso di costruire alcune cassette degli attrezzi da zero e al tempo le stampanti 3D stavano cominciando a diventare sempre più famose. Così pensò che avrebbe potuto comprarne una per poter realizzare questi elementi ex-novo in modo più veloce e preciso. Sono serviti diverse settimane per imparare la progettazione e tutte le tecniche relative alla costruzione degli oggetti in stampa 3D ma alla fine il gioco è valso la candela

Almeida ha iniziato a guardare tutorial online e video di YouTube sulla modellazione 3D e la stampa 3D. Alla fine, dopo un sacco di tentativi ed errori, è riuscito a ottenere dalla sua stampante 3D  MakerBot  quello che voleva, e il suo dumper in scala è il risultato impressionante di questo duro lavoro. E i suoi prossimi progetti sembrano essere altrettanto impressionante. Sta lavorando su un 740B Cat dumper articolati con pala Cat anteriore movibile, anche in scala standard 1/14.

Quanto sopra è davvero un esempio per tutti quelli che vogliono riuscire in qualcosa, anche partendo da zero e senza competenze, si possono arrivare a realizzare oggetti incredibili di forte valore aggiunto e di grande impatto.

FILOPRINT approva e sottoscrive.

Intanto guardatevi il filmato e fateci sapere cosa ne pensate!