Visualizzazioni totali

venerdì 23 dicembre 2016

COME STAMPARE FILAMENTO CERAMICA CERAMO E CERAMO TEX PER STAMPANTI 3D FDM

COME STAMPARE FILAMENTO IN CERAMICA
CERAMO E CERAMO TEX

TUTORIAL ED ISTRUZIONI DI STAMPA CON SOFTWARE SCLICER “SLIC3R”




FILOPRINT, grazie alla collaborazione tecnica del produttore russo di questi due tipi di filamento “FILAMENTARNO” propone una interessante guida alla stampa del primo filamento simulante la CERAMICA disponibile per stampa 3d FDFM.

In questo caso viene preso un modello abbastanza semplice di una penna tipo “BIC” ricaricabile stampato interamente con il filamento CERAMO.

Si consiglia di prendere visione del presente articolo con molta attenzione perchè i setting di stampa dello SLICING, qui è usato SCLI3R, potrebbero comunque essere riportati su altri tipi di software in modo molto simile e quindi adeguarli, con poche prove e perdita di tempo, alla propria macchina di stampa 3D.

In questo semplice “master class” viene quindi spiegato tutto l'ITER di elaborazione, dalla stampa alla post-elaborazione, necessari per rendere CERAMO un filamento davvero entusiasmante nella riproduzione della ceramica sia dal punto di vista estetico che di quello tecnico. Le stesse impostazioni possono essere replicate anche per il filamento CERAMO TEX

Per questo test è stato usato:
Stampante Prusa i3
Modello penna- REFILL di inchiostro dal quale ricavare la dimensione in diametro per il foro passante per la punta
Programma Repetier-Host e Slic3r
Filamento Ceramo
Carta vetrata P180 impermeabile per il trattamento iniziale e P600 per la finitura
Bacinella con acqua, un asciugamano di spugna.

In primo luogo è necessario mettere su un handle del desktop tutti gli elementi in una sola volta. Il materiale in fusione sarà meno propenso a "piegarsi", perché il diametro dell'impugnatura della penna è piccolo. Il Flusso (FLOW) dovrebbe essere ridotto a 92-95%. Una velocità di flusso troppo alta può provocare distorsioni e/o malformazioni nella stampa.

Un flusso d'aria su questo modello è richiesto. Tuttavia, per stampare altri modelli con CERAMO, si deve prendere in considerazione che, maggiore è la velocità ed il perimetro più piccolo, maggiore dovrà essere il flusso d'aria e viceversa. Se si stampa oggetti più grandi, NON occorre nessun flusso d'aria per ridurre al minimo il restringimento o screpolature.

La TEMPERATURA DI STAMPA con CERAMO risulta essere abbastanza alta - circa 260° C. Si necessita di LETTO RISCALDATO a non meno di 110 °C. Di seguito ecco due screenshot per meglio capire le impostazioni:

FOTO 1 + FOTO 2



Naturalmente, il numero di perimetri può essere indicato in qualsiasi numero, ma ne occorre almeno due per superficie piane. Nota: la SPUNTA (flag) nella casella di controllo con l'opzione "Rileva problemi Thin walls" (Detect Thin Walls) , è stata rimossa perchè è consigliato tenere spenta questa funzione.

FOTO 3

Per CERAMO occorre dare un INFILL del 100%. Il riempimento al massimo, anche per un modello così piccolo è possibile, un po' di plastica andrà ad essere consumata ma ci si può permettere. Questo porterà ad una pesantezza molto simile al tatto come di un vero oggetto fatto di CERAMICA

FOTO 4


Per la Velocità di stampa “support material interface” è consigliabile settarla da 100% a 80%. In questo modo l'handle viene stampato in circa 2,5-3 ore.

FOTO 5

Ecco un'immagine importante. Molti mostrano valori nella scheda Avanzate in percentuale, ma è possibile ottenere risultati di stampa molto più prevedibili, puntando a variare il diametro dell'ugello (extrusion width) - In questo caso, tutti i valori riferiti alla larghezza di estrusione dell'ugello che di DEFAULT è posiziona su 0,4 mm, sono stati cambiati come se si stesse utilizzando ugelli da 0,5 mm, ( tranne quello del SUPPORT MATERIAL posto a 0,3). Questo migliora molto il controllo di flusso
Inoltre, a causa della sollecitazione di snervamento del materiale si è usato l'opzione XY "size compensation” , responsabile di assicurare una giusta quantità di materiale durante la dilatazione termica e non molto riempimento dei fori interni, ad un valore di -0,2 mm.

FOTO 6


Posizionare il FILAMENT SETTING come in foto 6. Tuttavia per ogni stampante, questi valori possono essere variati, a seconda del modello dell'estrusore.

FOTO 7

Ora, visto che tutte le impostazioni sono configurate, il modello è calcolato ed è possibile avviare la stampa! Per garantire che la mandata del filo non sia interdetta o forzata, si raccomanda di utilizzare un tubo flessibile.

FOTO 8

Si consiglia di attendere che il piatto di stampa si raffreddi completamente. Si sentiranno anche leggeri crepitii emessi dagli oggetti stampati ma questo è del tutto normale.
Per incollare la vite con il cono nel backfield, usare colla a base CIANOACRILICA. In attesa che la colla abbia fatto presa, è possibile passare alla Post-Lavorazione.
Prendere la carta vetrata per una elaborazione iniziale (180 gradi di ruvidezza) una bacinella riempita con un po' d'acqua, un piccolo asciugamano. Iniziare la lisciatura, sciacquando e ripulendo periodicamente la carta vetrata fino a che la superficie non sarà stata sufficientemente levigata. Non si devono più vedere i layer di stampa e la superficie deve risultare liscia al tatto, non solo alla vista.

FOTO 9

Dopo aver ottenuto una superficie liscia agire con la carta vetrata più fine (R600) e portare la superficie dell'oggetto ad una lisciatura di grado ancor più fine, fino a quella desiderata. Per comprendere se la lisciatura è più o meno completata, pulire occasionalmente il corpo dell'oggetto asciugandolo con un asciugamano, avendo dura di verificare che non ci siano difetti o residui di stampa indesiderati.

FOTO 10

Suggerimento: Non asciugare mai gli oggetti con pelle ne sintetica ne naturale (quella da autovetture per intendersi)
Per completare il montaggio dell'impugnatura, si consiglia di realizzare una piccola rondella di separazione con del materiale diverso, anche del semplice PLA colorato, o gommoso o trasparente. Questo darà un immagine più piacevole all'oggetto oltre che garantire una maggiore resistenza ad eventuali torsioni delle due metà del guscio.
Ed ecco che la penna è quasi pronta! Resta solo da inserire l'asta con l'inchiostro. Si ricorda che il REFIL della penna può poi essere sostituito una volta esaurito con uno del medesimo diametro, ovviamente!

Grazie al creatore del modello dell'alloggiamento: LINK whd3 : http://3dtoday.ru/blogs/whd3/
Modello di acquisto per un importo nominale per l'autore, potete seguire il link: http://3dtoday.ru/market/for-office/accessories/ruchka_ceramo/

FOTO 11




Attenzione! La pubblicazione di questo articolo è subordinata e consentita solo dopo il nostro accordo e quello del suo autore, fatto salvo l'aggiunta di collegamenti al nostro sito Web.

Nessun commento:

Posta un commento